Villa Salaria

Diritti e doveri del malato

Pur essendo una struttura privata abbiamo scelto di seguire le indicazioni del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 19 maggio 1995 ” Schema generale di riferimento della “Carta dei servizi pubblici sanitari”.

I DIRITTI DEL MALATO

Diritto all’informazione
ll paziente ha diritto di ottenere dalla struttura sanitaria informazioni relative alle prestazioni dalla stessa erogate, alle modalità di accesso ed alle relative competenze. Lo stesso ha il diritto di poter identificare immediatamente le persone che lo hanno in cura. (Art 3)
Consenso informato
Il paziente ha diritto di ottenere dal sanitario che lo cura informazioni complete e comprensibili in merito alla diagnosi della malattia, alla terapia proposta e alla relativa prognosi. (Art . 4).in particolare, salvo i casi di urgenza nei quali il ritardo possa comportare pericolo per la salute, il paziente ha diritto di ricevere le notizie che gli permettano di esprimere un consenso effettivamente informato prima di essere sottoposto a terapie o interventi; dette informazioni debbono concernere anche i possibili rischi o disagi conseguenti al trattamento. (Art . 5)
Il paziente ha, altresì il diritto di essere informato sulla possibilità di indagini e trattamenti alternativi, anche se eseguibili in altre strutture. (Art . 6)
Riservatezza
Il paziente ha diritto di ottenere che i dati relativi allapropria malattia ed ogni altra circostanza che lo riguardi , rimangano segreti. (Art. 7)
Inoltre, in adempimento alla DLgs 196/2003, è necessario il consenso, da parte del cittadino-utente al trattamento dei dati personali
Reclami
Il paziente ha diritto di proporre reclami che debbano essere sollecitamente esaminati, ed essere tempestivamente informato sull’esito degli stessi. (Art. 8)

I DOVERI DEL MALATO
L’accesso in casa di cura esprime da parte del cittadino -paziente un rapporto di fiducia e di rispetto verso il personale sanitario, è necessariaquindi la massima collaborazione, presupposto indispensabile per l’impostazione del programma terapeutico e assistenziale.
E’ un dovere di ogni paziente informare tempestivamente i sanitari sullapropria intenzione di rinunciare, secondo la propria volontà, a cure e prestazioni sanitarie programmate affinché possano essere evitati sprechi di tempi e risorse .